Fondazione E. A. Cerino Zegna Impr. Soc. | Servizi e Residenze per Anziani
Alzheimer2019-02-21T10:50:22+01:00

Settore Alzheimer: residenziale e centro diurno

Per l’accoglienza di persone affette da decadimento mentale e con disturbi comportamentali caratterizzanti la malattia di Alzheimer, le nostre strutture offrono servizi residenziali, presso le sedi di Occhieppo Inferiore e Mongrando, a carattere di semi-residenzialità presso la sede di Mongrando.

 

Tutta l’équipe operante presso le nostre strutture è stata formata con un apposito percorso dedicato all’acquisizione del MODELLO GENTLECARE riconosciuto a livello internazionale come esemplare per il trattamento e la cura di persone affette da demenza e/o Alzheimer.
Rappresentiamo dunque un riferimento territoriale per l’applicazione di un modello di approccio alla malattia di Alzheimer certificato.

Responsabile: Sonia Osella

Operiamo nel rispetto dell’autodeterminazione dell’ospite: valorizziamo le sue capacità decisionali residue e quindi la tendenza alla vita e al benessere propria di ogni essere umano.

Una giornata tipo nel nostro centro residenziale

  • alzata e messa a letto differenziata, rispettose delle esigenze e delle abitudini personali
  • igiene e vestizione volte al mantenimento delle abilità residue
  • i pasti tengono conto delle preferenze alimentari e dell’autonomia nell’alimentazione
  • le attività sono distribuite nell’arco della giornata e sono curate dagli operatori, dalla psicomotricista, dai fisioterapisti e dal pet-therapista; comprendono laboratori, passeggiate nel parco, mobilizzazione, momenti di relazione con e tra gli ospiti

In questo nucleo particolare attenzione è dedicata alla gestione dei disturbi del comportamento, attraverso l’uso di attività non farmacologiche, la relazione, l’organizzazione ambientale e l’uso di strumenti adeguati:

  • Stanza Bianca (multisensoriale): un ambiente accogliente e raccolto dotato di strumenti per la stimolazione sensoriale (vista, tatto, olfatto, udito, gusto), finalizzato al contenimento dei disturbi comportamentali e al potenziamento del benessere delle persone.
  • Soft corner (angolo morbido): strumento simile a una piccola piscina imbottita per il riposo diurno e notturno, volto a favorire il rilassamento
  • Letto Alzheimer: questo letto, particolarmente basso, riduce il rischio di cadute
  • Divano letto matrimoniale: è di aiuto per le persone che non riconoscono il letto singolo come luogo deputato al sonno
  • Poli di attività spontanee con materiali adatti per attività di libera fruizione che possono stimolare la memoria di abitudini radicate: ne sono un esempio la stufa a legna con pentole, il comò con indumenti da piegare, gli attaccapanni con cappelli e borsette, la libreria con pelouche e bambole, ceste di gomitoli di lana e vario materiale tessile
Giardino attrezzato (4)
Giardino attrezzato (5)
Giardino attrezzato (2)

Centro Diurno

Il Centro diurno è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8,00 alle 16,30.

La giornata è caratterizzata dalla continua relazione ospite-operatore ed è scandita da attività che si ripetono regolarmente durante la settimana. Per ogni ospite è elaborato un progetto che, tenendo conto del suo passato, tende a mantenerlo orientato nel presente: 

  • Accoglienza
  • Pausa caffè con spuntino a metà mattinata
  • Pasto: igiene personale, preparazione dei tavoli, lettura e scelta del menu per il giorno successivo, pranzo, rigoverno delle stoviglie, igiene post prandiale
  • Momento di relax individuale
  • Attività pomeridiane seguite da pausa per la merenda
  • Preparazione per il rientro a casa e Colloquio con i famigliari

In base alla disponibilità di posti, è garantito un servizio di trasporto da e per il domicilio.

Date le caratteristiche dell’utenza e la semi-residenzialità del servizio, la relazione con i parenti dell’ospite è molto importante e sono molti gli spazi di dialogo e confronto previsti:

  • Colloquio giornaliero per tutti i famigliari che accompagnano l’ospite al centro
  • Contatti telefonici o tramite lettera per informazioni, consigli, modifiche terapeutiche
  • Colloquio con la psicologa
  • Scambio di articoli, notizie sulla malattia e novità terapeutiche
  • Consegna di fotografie fatte agli ospiti durante le varie attività, gite e laboratori
  • Alle dimissioni si facilita l’inserimento in altri centri diurni
  • A seconda delle necessità individuali si mantengono i contatti anche dopo le dimissioni

DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI SUI NOSTRI SERVIZI?

CONTATTACI